#odioandarealmare e tu?

Nel mondo esistono miliardi di persone tutte differenti da loro. Diversi per carattere, aspetto e gusti. E questi miliardi di persone, si dividono in due grandi gruppi. Quelli a cui piace andare al mare e quelli che proprio lo odiano come la peste. Beh, immaginati di che gruppo faccio parte?

Nata in una città marina e residente a 5 km dalla spiaggia, non potevo assolutamente che detestarlo il mare. Sia chiaro, in estate. Perché durante l’inverno è uno dei luoghi più affascinanti e rilassanti.

Ieri, per esempio, è stata la mia prima uscita in spiaggia con la family. Marco e il mio compagno erano gasatissimi, io con le palle girate già di prima mattina. Non so perché, ma a me andare al mare da proprio fastidio. Ma dico, cosa ci sarà di tanto bello e riposante?? Come si possono stare delle ore a bocca aperta sotto il sole cocente, imbalsamate e incremate dalla testa ai piedi? Non mi piaceva da giovane ( cioè da ragazza senza figli ) figuriamoci adesso con la prole che vuole fare castelli di sabbia ogni 5 minuti e che mi tira il costume per andare in mare ogni 3 per 2. Per far passare il tempo e rendere la giornata meno noiosa, mi consigliano di leggere libri, fare sport o semplicemente chiaccherare, ma a me bastano quei 10 minuti di giochi col piccolo che già sono sfiancata e bella che annoiata.

E’ più forte di me, proprio non ce la posso fare. Vi giuro le ho provate tutte. Del resto è una cosa che devo superare perché ho ancora 4 mesi da passare in spiaggia e non voglio negare a mio figlio una cosa di cui lui ne va pazzo.

Mi sapresti dare un consiglio?

Ti elenco in breve le cose che mi danno uzzo ( fastidio ) e poi dimmi se riesci a trovarmi una soluzione, perché non vorrei passare i prossimi mesi con la speranza di tornare a casa il prima possibile.

  • Ho la pressione bassa e quindi col caldo ogni movimento o sforzo equivale ad un rischio svenimento.
  • Non riesco a giocare a beach tennis/volley. Mi manca il fiato e anche qui dopo tre/quattro scatti è probabile che mi troviate distesa lunga sulla sabbia.
  • Le bocce mi piacciono, ma dopo un pò… due palle!
  • Problema ceretta. Se me li faccio col rasoio ho il rischio di ritrovarmi barbuta dalla testa ai piedi. Inguine, ascelle, gambe, braccia e che cavolo!! Ma un pò di pelo a voi maschi non piace?
  • Mi piace fare il bagno, ma appena metto piede in acqua mi ci vogliono dai 15 ai 30 minuti per entrare fino alla pancia. Per arrivare alla testa ne servono altrettanti.
  • Non sopporto le mani sporche di sabbia. Ma di terra e di tutte le altre cagate si!
  • Senza nemmeno farlo apposta mi vengono sfoghi sul corpo appena mi espongo al sole. Sara forse un segno?

Ce ne sarebbero tanti altri ma non voglio passare per quella che si lagna sempre, e che non li va mai bene niente 😀

Le uniche cose che adoro è fare colazione nei baretti con cornetto e cappuccino e il gelato di metà pomeriggio. Come vedi l’unica consolazione ricade sulle spalle del cibo. Lui non mi delude mai.

Quindi ragazze, mamme fatemi sapere i vostri consigli e le vostre opinioni sul tema, anche attraverso i social con l’hashtag #odioandarealmare, anche se so già che saremo molte, molte poche.

#odioandarealmare

Vi aspetto qui sotto con i vostri commenti!

Melissa

 

#POISLOVERS

Avevo 17, passando per i vari negozietti della zona mi innamorai di un paio di decolettè un pò particolari. Le acquistai e una volta a casa i miei mi dissero” Ma cosa diavolo hai comprato?“. Erano delle scarpe rosse a pois bianchi, tipo le scarpe di Minnie. Ne andavo fiera e orgogliosa, era come avere indosso qualcosa di molto raffinato, una texture che si vedeva poco in giro. Da quel momento ho scoperto la mia passione per il punto, per i dots, per quella stampa che mi ricorda i tessuti di seta di vecchie signore.

Ora i pois sono diventati una vera e propria mania, tanto che alcune ragazze che condividono la stessa passione, hanno creato il gruppo delle #poislovers. In questo gruppo, beh, si condividono e si parla ovviamente di pois, ci si da consigli e si pubblicano outfit sul tema. Un vero e proprio mondo fatto a pallini.

Nel mondo del bambino i pois sono uno degli elementi più utilizzati dalle femminucce, ti ricordi di questo post?

Le #poislovers le potete trovare su Facebook e su Instagram @poislovers

Se anche voi credete che i pois salveranno il mondo, seguitele!! Spread the word!!

#poisloversok123 456 7 89 10

Melissa

Kids – T-shirt Mania

Qual’ è l’indumento più usato, più amato, quello che sta bene con tutto e che puoi farci di tutto?

La t- shirt ovviamente!

Adoro questo capo! Non è soltanto un pezzo di stoffa cucito assieme con quattro stampe attaccate lì a caso. E’ qualcosa di più!

Già dagli anni 80, la maglietta acquisisce un ruolo diverso da quello per cui è stata concepita. Diventa un’ importante mezzo di comunicazione in cui assume diverse forme e significati. Da quello pubblicitario, a ironico, a politico fino a quello geografico. Un elemento semplice, pratico e poco complesso che diventa l’accessorio immancabile per contestazioni e manifestazioni. Tanti personaggi famosi rimangono impressi nella nostra memoria con la loro immancabile t-shirt, vedi Jean Paul Gaultier con il suo stile marinaretto, ma anche Marlon Brando.

Oggi non c’è neonato, bambino, ragazzo, adulto e anziano che non ne abbia almeno una.

Secondo voi, anche oggi la t-shirt assume un ruolo così importante come nel passato?

Mentre ci pensate, vi lascio con la mia consueta selezione for kids. 

Che ve ne pare?

T-SHIRT MANIA

12 345678 9

Melissa

Hand made dalla Francia: C. et cie etoilee

C’era una volta una mamma, 

che abbandonata la madre patria francese, si stabilisce a Milano assieme alla famiglia, portando con se tutta l’esperienza e il senso del gusto che la contraddistingue. Qui inizia a creare piccole cose per l’universo bambino, e grazie alla sua passione che mette in ogni oggetto che realizza, riesce ad espandere il suo nome arrivando a distribuire i suoi prodotti in due negozi a Milano.

Lei è Charlotte, e il suo brand C. ET CIE ETOILEE è il risultato di tante idee e creatività messi insieme. Dalle mollette, ai bavaglini, a ghirlande fino ad arrivare a enormi lettere in morbido tessuto, Charlotte riesce a creare col suo stile e il suo amore per i bambini, qualsiasi cosa, tutto hand made. In ogni piccolo punto e in ogni centimetro di stoffa, emerge passione e delicatezza, tutte caratteristiche che fa di  C. ET CIE ETOILEE il vero punto di forza.

Un vero e proprio laboratorio artigianale dove si confezionano sogni.

Seguitela nella sua pagina Facebook, per rimanere aggiornati sulle ultime novità!

lettereOKcapelliOK bavagliniMelissa

 

Giodseppo kids: collezione tropical ss14

Il momento più bello e liberatorio dell’estate, secondo me, è quando appenderemo al chiodo calzini e scarpe per far spazio a sandali e ciabatte. Liberare il piede e metterlo a contatto con la natura è una delle cose che più mi piacciono.

E un intenditore come GIOSEPPO KIDS non può che darne l’esempio con la nuova collezione Tropical. Colori fluo, pompon e stampe tropicali saranno il filo conduttore della collezione, che abbinati su sandali in jelly e pelle diventeranno il must have della stagione. Sandali comodi e divertenti per un’estate all’insegna del divertimento.

AMPOSTA AGUAMARINA BABLE BLANCO DELTEBRE AMARILLO HAPPY_COLOURS2Melissa

#TuesdayInterview: Le Pezze

Vi ricordate il fazzoletto in stoffa delle vostre nonne che accudivano e portavano sempre con se? Quello che, ancora oggi, quando lo vedete e annusate vi prende un’immensa nostalgia? Ecco, l’intento de LE PEZZE, che oggi andremo ad intervistare, è proprio quello di rendere i loro prodotti come oggetti unici da portare sempre con se, un modo per sentirsi coccolato indossando un qualcosa di ricercato e raffinato, che col passare del tempo, possa diventare un oggetto prezioso dai ricordi indelebili.

Ma scopriamo qualcosa di più:

1- Come e quando è nato Le Pezze?

Nelle Pezze c’ è apprensione da mamma, amore per i tessuti e desiderio di qualcosa di nuovo. Nel 2006 abbiamo creato una piccola collezione da subito commercializzata dal negozio per bambini Moine e Versetti e a seguire, grazie alla visibilità offerta dai social network, anche da altri punti vendita.

2- Le trovo fantastiche e avete un’ampia scelta, ma mi chiedevo: I tessuti cambiano ad ogni stagione?

Ogni 20 giorni proponiamo nuove varianti.

lepezze

ilpanierinoOK

3- Le Pezze, non sono più solo foulard ma anche cuscini e borse. Perché questa scelta?

Le Pezze sono amore per i tessuti. Accessori realizzati con materiali di qualità e artigianalmente, pensati per durare nel tempo. Per il nostro e-shop abbiamo selezionato due aziende che riteniamo essere molto vicini alla nostra idea: Løv Organic e The Cambridge Satchel Company.

4- Dove possiamo acquistarli?

In alcuni punti vendita e sul nostro e shop

5- Descrivi Le Pezze in tre parole.

“Custodi del tempo” cit. Zelda was a writer

Grazie mille per la vostra disponibilità!

Melissa

 

Primavera: la stagione dei battesimi

La primavera non solo è la stagione dei matrimoni, ma anche dei battesimi.

Come per il matrimonio, alcune mamme per festeggiare il battesimo dei loro cuccioli si preparano mesi e mesi prima, in modo che tutto sia perfetto e che tutti siano soddisfatti. Per quanto mi riguarda, per il battesimo di Marco abbiamo fatto una cosa abbastanza semplice e veloce, ma il ricordo è ancora tanto emozionante.

In questo collage ho preparato una dolce selezione di capi e accessori per il battesimo ( e non ). Scarpine, pagliaccetti e braccialetti per uno dei momenti più importanti della vita di un bambino. Se posso darti un consiglio evita di travestire il bambino in un piccolo pagliaccetto o mostro da circo, non abbondare con la sovrapposizione di capi e accessori. E’ un momento sacro e delicato, non una festa in maschera, quindi delicatezza e semplicità sono d’obbligo.

Inoltre meglio essere tradizionali e mantenere il colore bianco, o perlomeno scegliere solo un colore da accostare al bianco. Un’arlecchino non è il caso non trovi?

Che ne pensi?

battesimoOK

Tartine and chocolat, Il gufo, Ninaluna, Spadarella, Baby Bloch, Chloe, Les Princes, 

Baby Graziella,  Cake via

 Melissa